Rivestimento antibatterico per lenti a contatto

Un rivestimento, creato dagli scienziati della Nanyang Technological University di Singapore (NTU), che intrappola e distrugge il 99 per cento dei batteri e dei funghi che incontra. Questo rivestimento antibatterico ha dimostrato di essere efficace contro batteri come lo Pseudomonas aeruginosa, lo Staphylococcus aureus ed i funghi, che causano infezioni alla cornea, ed e già stato impiegato nella fabbricazione di lenti a contatto. Oltre a trovare numerose applicazioni domestiche, questa tecnologia potrebbe essere impiegata anche per combattere le infezioni batteriche del corpo umano, evitando così l’utilizzo degli antibiotici.

Il rivestimento può essere applicato anche su prodotti biomedicali, quali cateteri e impianti, per prevenire le infezioni batteriche. Quest’ultime rappresentano un serio pericolo in quanto molti batteri stanno sviluppando una resistenza agli antibiotici che attualmente costituiscono il nostro principale trattamento contro le infezioni. Con lo sviluppo di nuovi materiali che uccidono le cellule dei batteri, si aprono le porte a nuove forme alternative di trattamento delle infezioni.

Questo primo risultato ha portato il Prof Chan, della NTU, ed uno studente, Li Peng, a produrre una soluzione liquida antimicrobica altamente selettiva in grado di uccidere batteri e funghi senza danneggiare le cellule umane. Questa sostanza, composta da cationico peptidopolysaccharide antimicrobica, sarà perfezionata nel corso dei prossimi cinque anni al fine di creare una soluzione per il trattamento di ferite croniche ed infezioni interne.

L’obiettivo a lungo termine del Prof. Chan è quello di sviluppare una forma ingeribile, in modo da poter trattare efficacemente le infezioni batteriche all’interno del corpo, come la polmonite e la meningite.