PRSS3, un enzima collegato al cancro alla prostata

I ricercatori della Mayo Clinic, in Florida, hanno identificato un enzima specifico (PRSS3) collegato al cancro alla prostata aggressivo ed hanno anche messo a punto un composto che inibisce la capacità di questa molecola di promuovere la diffusione metastatica di questo tumore. PRSS3 è una proteasi, cioè una molecola che digerisce altre molecole. In presenza di cellule tumorali, questo enzima promuove la malignità e l’invasività della malattia. I ricercatori avevano già in precedenza scoperto l’esistenza di un legame tra la proteasi e le prime fasi del cancro al seno. Per questo motivo, hanno poi deciso di verificare anche gli effetti prodotti da questa proteasi su altri tipi di tumore. La ricerca è stata condotta anche sui topi, ai quali è stata bloccata l’attività del PRSS3, e si è visto che il cancro non si è più diffuso nel loro organismo. Questa scoperta è molto importante in quanto suggerisce alcuni possibili future applicazioni cliniche. I ricercatori, attraverso lo studio di questa molecola, potrebbero identificare i pazienti più a rischio di cancro aggressivo. Inoltre, potrebbero sviluppare nuovi trattamenti  con cui combattere in modo più efficace la malattia.