La dieta mediterranea può ridurre il rischio di malattie cardiache

La dieta mediterranea può essere un ottimo modo per mangiare sano e tutelare la salute del vostro cuore. Questa dieta prevede l’utilizzo dell’olio d’oliva, del vino rosso e di altri componenti che caratterizzano la tradizionale cucina dei paesi mediterranei, dove la gente mangia anche una grossa varietà di frutta, verdura, pesce e cereali integrali. Inoltre, le popolazioni mediterranee camminano molto a piedi.

Dunque, quali sono i benefici di una dieta mediterranea? La ricerca ha dimostrato che la tradizionale dieta mediterranea riduce il rischio di malattie cardiache. In effetti, una recente analisi di oltre 1,5 milioni di adulti sani ha dimostrato che, a seguito di una dieta mediterranea, si è ridotto notevolmente il rischio di mortalità cardiovascolare e di cancro e si è ridotta l’incidenza dei morbi di Parkinson e di Alzheimer.

Per questo motivo la maggior parte, se non tutte, le grandi organizzazioni scientifiche incoraggiano gli adulti a seguire la dieta mediterranea per la prevenzione delle principali malattie croniche. Inoltre, tenuto conto del fatto che gli adolescenti incorrono sempre più spesso in problemi legati al peso ed al diabete, questo tipo di dieta potrebbe rappresentare una soluzione.

Di seguito sono stati riportati i principali aspetti di uno stile di vita Mediterraneo :

• praticare esercizio fisico quotidianamente;
• Mangiare principalmente alimenti a base vegetale, come frutta e verdura, cereali integrali, legumi e noci. Le verdure sono ricche di proteine sane e limitano la quantità di zucchero nella dieta.
• Sostituire il burro con grassi sani come l’olio d’oliva e l’olio di canola.
• Utilizzare erbe e spezie al posto del sale per insaporire i cibi.
• Limitare la carne rossa a non più di un paio di volte al mese. Questo è molto importante in quanto è stato dimostrato che la carne rossa aumenta il rischio di malattie croniche e tumori. Anche il grasso di pollo si avvicina alla pericolosità della carne rossa.
• Mangiare pesce e pollame due volte alla settimana per limitare l’esposizione al mercurio.
• Bere vino rosso, con moderazione, in quanto il vino rosso contiene il resveratrolo, una sostanza chimica che è diminuisce il rischio di malattie cardiache.

Questo stile di vita riconosce anche l’importanza di consumare i pasti con la famiglia e gli amici. La dieta mediterranea è stata associata ad un livello inferiore di colesterolo “cattivo” (LDL) che spesso causa depositi nelle arterie.

Le noci, invece, sono ricche di grassi insaturi e quindi di grassi sani. E’ importante, però, mangiarle con moderazione in quanto ricche di calorie. L’obiettivo della dieta mediterranea non è di limitare il consumo totale di grassi, ma di mangiare grassi sani. La dieta mediterranea scoraggia i grassi saturi che contribuiscono alle malattie cardiache. L’olio d’oliva è una delle fonti primarie di grassi nella dieta mediterranea ed è utile in quanto riduce il livello di LDL / colesterolo cattivo.