Cancro alla pelle, è possibile combatterlo con le creme idratanti

Creme idratanti cancro alla pelle

Il cancro alla pelle può essere trattato con le creme idratanti.

Uno studio condotto da un gruppo di ricercatori della Northwestern University, negli Stati Uniti, ha dimostrato che alcune creme idratanti risultano efficaci come terapia genica contro il cancro alla pelle. I risultati di questa ricerca, pubblicati sul Proceedings of National Academy of Sciences, mostrano come alcuni tipi di creme siano in grado di trattare il carcinoma a cellule squamose, il melanoma, la psoriasi e le ferite provocate dal diabete.
La somministrazione topica del gene regolatore nelle cellule più profonde della pelle è sempre risultata estremamente difficile a causa delle forti difese della stessa. In questo nuovo studio, invece, i ricercatori hanno testato dei farmaci contenenti acidi nucleici, circa 1.000 volte più piccoli del diametro di un capello umano, che hanno la capacità unica di scegliere e legarsi alle proteine naturali acido-sferiche. Di conseguenza, applicato sulla pelle, il farmaco penetra all’interno di tutti gli strati alterando selettivamente i geni della malattia senza influenzare quelli sani. Secondo i ricercatori, questo nuovo approccio basato sulla nanotecnologia permette a queste nanostrutture di penetrare all’interno della pelle agendo direttamente sulla malattia. Le suddette nanostrutture, sviluppate in laboratorio ed abbinate ad una semplice crema idratante, hanno prodotto un unguento che è stato poi applicato sulla pelle di diverse cavie malate. Il risultato è stato stupefacente in quanto il farmaco si è aperto la strada attraverso lo strato epidermico riducendo in modo sostanziale le proteine che creavano il cancro alla pelle. Dopo un mese di continua applicazione della crema, non sono stati riscontrati né effetti collaterali, né l’attivazione inappropriata del sistema immunitario e né l’accumulo di particelle negli organi. Questo tipo di trattamento è specifico per la pelle e non interferisce con le altre cellule sane dell’organismo.

Fonte: articolo