5 cibi non salutari che possono essere inclusi in una dieta sana

I dietologi consigliano sempre ai loro pazienti di eliminare i cibi non salutari dalla propria dieta alimentare, ma spesso non risulta semplice seguire questo tipo di suggerimento. La voglia di perdere peso è sempre molta, ma anche le tentazioni non sono da sottovalutare.

Esistono, però, 5 cibi non salutari che in realtà possono entrare a far parte di una dieta alimentare sana, sempre se assunti con moderazione:

  1. il burro; anche se ricco di grassi saturi, può essere consumato con moderazione; rispetto ai grassi trasformati, presenti ad esempio nella margarina, risulta essere un’alternativa più sana;
  2. il formaggio; anche il formaggio ha un elevato contenuto di grassi saturi e di calorie, ma in compenso contiene pure sostanze nutritive, calcio, vitamina A, B12, riboflavina, zinco, fosforo e acido linoleico coniugato (CLA), un grasso buono che si può trovare anche nelle proteine animali e nei prodotti lattiero-caseari e che sembrerebbe aiutare a prevenire il cancro;
  3. il latte intero ed il cioccolato; un bicchiere di latte intero e cioccolato offre una dose ideale di carboidrati e proteine che rende le persone più energiche; inoltre, questi alimenti tutelano la salute delle ossa e ripristinano l’equilibrio elettrolitico con il loro contenuto di calcio e di sodio; in caso di indecisione, è consigliabile il consumo di cioccolato fondente;
  4. il caffè; non solo migliora la concentrazione e la resistenza, ma una recente ricerca ha rivelato che aiuta a prevenire malattie come il diabete ed il morbo di Alzheimer; l’importante è non esagerare; è preferibile non superare le 3-5 tazze giornaliere, in quanto potrebbero causare degli effetti collaterali, come l’insonnia, il nervosismo e l’ansia;
  5. le banane; anche se sconsigliate nelle diete, le banane a volte aiutano le persone che intendono perdere peso; sono ricche di potassio, di antiossidanti, di vitamina C e di fibre; la loro assunzione comporta un cambiamento della dopamina, un neurotrasmettitore responsabile dell’umore, che porta le persone a sentirsi bene.